Tutti gli articoli di A.Sanna

Kolkheti Okhrokhana ristorante georgiano

Nella grande afa estiva trovare un luogo con un pò di frescura è sicuramente d’obbligo. Il ristorante Kolkheti si trova fuori Tbilisi a circa 15 minuti appena dal centro (Piazza della libertà) percorrendo la strada che porta al parco di Mtatsminda direzione Kojori.

Il ristorante è composto da diversi ambienti esterni ed interni.

Ordiniamo un classico menù georgiano di  Pkhali come piatto freddo, Khachapuri, Mtsvadi di vitello, Kinkali a volontà.

L’ambiente è carino, fresco e piacevole. Il servizio piuttosto scorbutico come purtroppo accade in vari ristoranti in loco.

” Si sbrighi ad ordinare che ho altri clienti” mentre si leggeva il menù. Piatti a volte serviti al volo sul tavolo senza guardare in faccia nessuno.

Se non ci si cura di questi particolari, lo consiglio.

Vedi sito ufficiale.

 

Tbilisi la destinazione no problem per sposarsi

Se cercate una destinazione estera per sposarvi senza problemi burocratici, magari con un partner non italiano, Tbilisi è un’ottima soluzione sotto ogni punto di vista per raggiungere il vostro scopo!

Se volete evitare costi elevati,  peripezie burocratiche, file interminabili agli uffici comunali, la capitale della Georgia è la destinazione per voi.

Questa città  sta diventando la scelta numero uno in Europa e nelle aree del Medio Oriente per un matrimonio senza stress, perché?

Paragonando le altre destinazioni rinomate come mete per il matrimonio all’estero e le relative richieste di documenti da esibire per procedere al matrimonio, a Tbilisi è sufficiente essere in possesso del passaporto, stop!

Sì, nessun certificato di nascita, nessuna pubblicazione, nessun certificato di non impedimento,  nessun certificato di residenza, niente di niente se non avete mai contratto matrimonio in precedenza.

È per questo che Tbilisi è ora il posto migliore per una fuga d’amore dove concretizzare il tutto con un splendido Sì!

Se scegliete di rinunciare alle folle di ospiti per qualcosa di più intimo, la Georgia è la destinazione giusta per il vostro matrimonio e per la vostra luna di miele e risparmierete anche tanti soldi.

A Tbilisi rispetterete sempre il vostro budget, eleganti e informali location, ristoranti panoramici, prelibata cucina  Georgiana, il tutto a un prezzo davvero conveniente ma soprattutto in tempi velocissimi.

In meno di una settimana si riparte dalla capitale della Georgia con tutti i documenti per la trascrizione del matrimonio e in meno di 10 giorni anche con il visto per l’eventuale partner non cittadino italiano.

Cos’altro? Potete avere maggiori delucidazioni leggendo questo articolo o contattandomi e poi chiamate un gruppo di buoni amici e volate in Georgia per godervi il vostro giorno più bello!

Articoli Correlati:

Come sposarsi a Tbilisi

Caravaggio e Botticelli in vacanza a Tbilisi

Il boom turistico registrato dalla Georgia nell’ultimo anno non smette di stupire e si pregia di due turisti illustri come Caravaggio e Botticelli.

I due illustri pittori si sono dati appuntamento al Museo Nazionale della Georgia, galleria Dimitri Shevarnadz,  sito in Viale Rustaveli 3,a Tbilisi, dove espongo sino al 30 Novembre 2017 alcune loro opere famose in tutto il mondo.

A parte l’ironica introduzione, “Valori Universali: Botticelli – La Bellezza, Caravaggio – La luce” è il nome del meraviglioso evento, frutto della collaborazione tra Italia e Georgia, grazie al coordinamento dell’Ambasciata d’Italia sotto la guida di S.E. l’Ambasciatore Antonio Enrico Bartoli.

 

 

 

Il vice Presidente Americano Pence in visita ufficiale a Tbilisi

Giorgi Kvirikashvili, primo Ministro Georgiano, ospita il vice presidente americano Pence

“La sua visita è un messaggio forte in merito alla partnership tra Usa e Georgia”

dichiara il primo ministro

“Il risultato del supporto degli Usa è che la Georgia non è più un paese Sovietico o post-Sovietico”

A sua volta il vice presidente Americano Pence dichiara di essere orgoglioso dell’amicizia e partnership con la Georgia. Prima l’America, non vuol dire l’America da sola.

Gli Usa sostengono l’integrità territoriale della Georgia e le sue aspirazioni di entrare nella NATO.

Fonte:

Twitter  

La Georgia ottiene il Visa free per l’area Shengen

Giovedì 2 febbraio 2017 entrerà di diritto come giornata storica per la Georgia.

Infatti il Parlamento d’Europa ha approvato la nuova legge grazie alla quale i cittadini Georgiani saranno in grado di entrare nell’UE senza visto per soggiorni di breve durata.

La legislazione deve essere ancora formalmente approvata dal Consiglio ed entrerà in vigore solo una volta che il meccanismo di sospensione, che consente la temporanea reintroduzione dei visti in caso di rischi per la sicurezza pubblica, è messo a punto.

Vengono così riconosciute le riforme ampie e complesse che la Georgia ha compiuto al fine di ottenere l’esenzione dal visto portando il paese più vicino all’UE.

I Georgiani titolari di un passaporto biometrico avranno diritto di entrare per 90 giorni senza visto UE per un periodo di 180 giorni. Sono inclusi tutti gli stati membri dell’EU (tranne Irlanda e Regno Unito), più Islanda, Liechtentstein, Norvegia e Svizzera.

fonte:

European Parliament News  http://bit.ly/2kZCtho

Lago di Lisi tempo libero a Tbilisi

Tbilisi sta continuando a crescere, il traffico è sempre più frenetico, gli spazi verdi diminuiscono e soprattutto la necessità di fare due passi, un pieno di ossigeno, magari una pedalata in bicicletta diventa sempre più impellente per chi ha famiglia o lavora nel caos della metropoli.

Senza dover fare lunghi percorsi fuori porta, Il lago di Lisi è un’ottima soluzione.  Situato a circa 10 km dal centro città, si raggiunge facilmente attraversando il distretto di Vake o Saburtalo, per salire il versante collinoso percorrendo la via Beritashvili.

La nuova pista ciclabile e pedonale permette di fare il periplo del lago in maniera estremamente piacevole.

Lago di Lisi al Tramonto
Lago di Lisi al Tramonto

Articolo fotografico correlato

Lisi Lake free time

 

Stalin per ubriacare i russi

Anche se l’atteggiamento ufficiale della Georgia alla figura di Stalin (che era georgiano) rimane strettamente negativa, vi sono varie opinioni divergenti in merito. Questo è il motivo per il quale le immagini di Stalin sono talvolta utilizzate in commercio e in questo caso dai produttori di vino georgiano. Questo nuovo design per l’etichetta della bottiglia è stato recentemente pubblicato da “Packaging of the World” e altri media on-line specializzati.
Il
progetto è stato sviluppato dall’agenzia russa Gran Buro. Quattro vini georgiani – Khvanchkara, Kindzmarauli, Mukuzani, Tsinandali – appaiono con il marchio Stalinskoye Slovo ( “parola di Stalin”). Nelle etichette dei vini leggiamo “prodotto ed imbottigliato in Georgia”, ma il nome del produttore di vino non è visibile. 

“Joseph Vissarionovich Stalin fu il leader dell’Unione Sovietica dalla metà degli anni 1920 fino alla sua morte nel 1953… Era un amante assoluto di vino, soprattutto vino georgiano, “- si legge nel sito web ufficiale.

L’etichetta dei vini offre non solo un ritratto di Stalin, ma anche una delle sue citazioni. Il testo dell’etichetta è per lo più in russo con un minimo di testo in stile georgiano, il che suggerisce che tal vino con tale etichetta è probabilmente destinato alla sola esportazione verso la Russia.

fonte: Hvino news

 

Papa Francesco arriva a Tbilisi

Papa Francesco arriverà a Tbilisi per il suo viaggio apostolico nel Caucaso in un week-end che includerà sia la Georgia che l’Azerbaijan.  La data, tanto attesa dalla comunità locale, è fissata per Venerdì 30 settembre 2016.

La giornata di Venerdì è dedicata alle autorità con la visita al Presidente della Repubblica e al Patriarca di tutta la Georgia, Sua Santità e Beatitudine Ilia II.

Sabato 1 ottobre 2016 alle ore 10:00 la Santa Messa sarà celebrata allo stadio Meskhi, noto in loco come Lokomotivi nel distretto di Vake.

Nel pomeriggio Papa Francesco andrà a visitare la Cattedrale Patriarcale di Svetitskhoveli sita a Mtskheta, l’antica capitale.

Domenica mattina celebrazione di congedo all’aeroporto internazionale di Tbilisi e partenza per Baku in Azerbaijan dove passerà l’intera giornata prima di far ritorno a Roma in nottata.

papa-francesco-tbilisi-georgia-img_0582

Sophia Loren a Tbilisi

Famosa in tutto il mondo, potremo dire ambasciatrice ad honorem dell’Italia, Sophia Loren è arrivata a Tbilisi, in Georgia, su invito della famosa mezzo soprano  Nino Surguladze, madrina della Fondazione per i bimbi affetti da gravi  malattie “l’Albero dei desideri”  a cui l’evento di beneficenza  è stato dedicato e supportato da Sophia Loren.

L’ evento si è tenuto nello splendido Teatro dell’Opera di Tbilisi, recentemente restituito al suo antico splendore.

Durante la sua visita a Tbilisi, Sophia Loren ha incontrato il primo Ministro Giorgi Kvirikashvili e il Patriarca Ilia II dopo essere stata accolta dalla mezzo soprano Nino Surguladze e dall’ambasciatore d’italia Antonio Enrico Bartoli al suo arrivo.

photo credit blog di Nino Surguladze link http://blog.ninosurguladze.com/wp-content/uploads/2016/06/IMG_0253.jpg

Chiaroscuro splendido spettacolo splendida simbiosi Italia Georgia

Se una splendida orchestra georgiana come la Georgian Sinfonietta e una eccellente compagnia teatrale italiana come Teatri 35 entrano artisticamente in simbiosi per rappresentare un inedito Tableaux Vivant delle opere del Caravaggio, ottieni un miracolo di emozioni fuori dal comune, ottieni una standing ovation che si è piacevolmente consumata il 7 marzo al teatro Tumanishvili di Tbilisi.
L’ arte tutta è in scena, dove la pittura prende vita, la musica è cornice, colore e sfondo insieme ai materiali, le stoffe, gli accessori che sembrano lì da sempre con i tre attori che lievitano armonicamente per ripercorrere quel “chiaroscuro” che urla la pittura di Caravaggio.
La voce del controtenore sembra dare ancora più contrasto e forza all’immagine figurativa degli attori del Teatri 35.

teatri-35-georgian-sinfonietta-2-L

“Il suono muove l’azione, l’azione produce l’immagine, l’immagine incorpora la musica”.

Questa la pozione magica che Gaetano Coccia, Francesco Ottavio de Sanctis, Antonella Parrella assieme al “lighting designer” Gennaro Maria Cedrangolo e all’Orchestra Georgian Sinfonietta, con un eccezionale contralto come Mikheil Abramishvili hanno distribuito ad un pubblico estasiato, impressionato, sbalordito, ammaliato.
Un Caravaggio come non lo avete mai visto e sentito si potrebbe dire, certamente una iniezione piacevole di storia dell’arte, di musica, di teatro, di arte-educazione.

Un sincero grazie all’Ambasciata d’Italia per questo fantastico evento.

teatri-35-georgian-sinfonietta-1-L