Come comprare un’auto a Tbilisi Georgia

Acquistare un’auto in Georgia non è proprio un problema ed è possibile anche per chi non è residente. Pertanto chi arriva a Tbilisi per lungo periodo, lavoro o si trasferisce definitivamente può facilmente acquistare una vettura, registrarla a suo nome, metterci la benzina ed esplorare la bellissima Georgia.

I prezzi degli usati sono molto allettanti e in paragone all’Italia si può trovare un’occasione auto anche per la metà del prezzo in confronto al rapporto anno/km.

Detto così sembra tutto facile, chiaramente non è tutto oro quello che luccica e ci sono varie attenzioni da seguire e varie cose da sapere in modo da non cadere in fregature colossali.

Chi se lo può permettere acquista l’auto nuova dal concessionario,  il luogo  e referente più sicuro dove comprare un’auto nuova con tutte le garanzie del caso. Ma in generale i più cercano un usato d’occasione che possa unire  il piacere di avere un’ auto a un buon prezzo d’acquisto.

Cosa serve per acquistare un’auto a Tbilisi o in Georgia?

Per acquistare un’auto è sufficiente avere il passaporto se non si è residenti o la carta d’identità georgiana per chi è residente in loco e un numero di cellulare locale.

Dove acquistare un’auto a Tbilisi?

Ci sono vari portali online per la vendita delle auto come Myauto.ge , Auto.ge, Autopapa.ge siti multilingue che offrono un’ampia scelta di vetture, moto, e veicoli commerciali sia da parte dei privati che dei rivenditori locali.

L’usato più affidabile è quello acquistato da un privato che ha a sua volta acquistato come primo proprietario dalla concessionaria ufficiale Toyota, Mercedes, Fiat, Audi etc. in Georgia. Di solito nella descrizione il proprietario riporta in calce la provenienza dal concessionario locale in quanto questo valorizza l’auto e porta su il prezzo. Nel caso non sia riportato nella descrizione, quando guardate le foto delle auto nel web, ingrandite la targa posteriore e guardate se nella cornice c’è scritto il concessionario in Georgia.  Di solito queste auto costano il 20-30% in più di quelle provenienti dai rivenditori esteri ma si hanno più potenziali garanzie.

Da dove arrivano le auto usate in Georgia?

E’ fondamentale prendere nota che due sono i mercati principali della provenienza delle vetture: USA e Germania.  I pericoli principali sono le auto severamente accidentate o alluvionate che vengono riparate in loco con un costo manodopera bassa e rimesse nel mercato come quasi nuove (USA) o quelle che ormai non passerebbero il collaudo tedesco TUV e vengono taroccate come chilometraggio. Pertanto dovrete sempre ottenere più informazioni possibili all’origine della trattativa. Per le auto americane il controllo del VIN (numero di matricola) può già dirvi se l’auto è uscita da qualche collisione importante o non ha avuto danni di rilievo con il precedente proprietario.  Tantissime di queste vetture sono a Rustavi, 25km da Tbilisi, il mercato auto più grande del Caucaso. Qui spiccano i concessionari come AutoPapa e tanti altri rivenditori e privati che propongono auto dagli ultimi 20 anni ai nostri giorni. Vi garantiranno tutti la perfezione qualora vi rechiate a Rustavi personalmente. Sconsiglio di andare senza la compagnia di un amico georgiano, non riuscirete mai a trattare il prezzo finale e chiaramente a comprendere le condizioni del mezzo. Nel sito myauto.ge  e nel sito di Autopapa.ge si trovano le auto con descrizione e foto galleria. Consiglio prima di recarvi a Rustavi di vedere cosa vi può realmente interessare online.

Quando si fa il collaudo o revisione (ispezione auto) in Georgia?

Un’altra cosa da sapere è il collaudo o ispezione della vettura che è stata da poco introdotta in Georgia e che ha i seguenti parametri:

  • auto nuove e sino ai 4 anni di vita non fanno revisione
  • dai 4 agli 8 anni le auto vanno a  revisione ogni 2 anni
  • dagli 8 anni in poi le auto vanno a revisione ogni anno

Verificate pertanto se l’auto da voi acquistata deve fare la revisione. Se la scadenza è a ridosso del vostro acquisto meglio farla o usarla come controllo generale del mezzo.

Infine se le auto hanno targa rossa, sono auto appena importate e non hanno pagato la dogana che di solito è a carico dell’acquirente salvo diversi accordi. Noterete nel sito myauto.ge per esempio che nella scheda auto c’è scritto “custom not cleared” o “custom cleared”. Il prezzo di un’auto usata con la dogana da pagare può variare anche di migliaia di dollari secondo che l’auto sia di grossa cilindrata, a benzina, ibrida o con molti anni alle spalle. Tutto questo si ripercuote nell’allettante prezzo di vendita che potrebbe non diventare più tale. Verificare.

Personalmente non amo l’auto parco di Rustavi, lo trovo troppo caotico per i miei gusti. Pertanto per l’acquisto della mia vettura, ho fatto ricerca via web su myauto.ge ed ho puntato su privati con residenza a Tbilisi. Ho fissato l’incontro per provare la vettura, fatto trattare il prezzo dal mio amico di fiducia, portata l’auto al collaudo anche se non era necessario, messa sul ponte e controllati i fondi e infine organizzato il passaggio di proprietà che si deve fare proprio a Rustavi dove ha sede la Motorizzazione chiamata in inglese “Service agency for the Ministry of internal Affairs” e dove si registrano tutte le auto acquistate a Tbilisi.

Come fare il passaggio di proprietà dell’auto?

Se l’acquistate l’auto a Tbilisi, date appuntamento al venditore e andate insieme a Rustavi con la vettura. Un ennesimo test finale. Alla motorizzazione ci si mette in fila con la vettura per una ispezione da parte della polizia che ne verifica il numero di telaio assieme alla sua carta di circolazione che qui in Georgia è come una carta di credito dell’auto plastificata che riporta tutti i dati del proprietario e del veicolo. Il poliziotto fatta la verifica scrive un numero di codice sulla carta. Parcheggiate l’auto ed entrate alla motorizzazione. Il proprietario con l’aiuto eventuale di un inserviente in loco, smonterà le vecchie targhe. Entrando alla “Motorizzazione” locale, sulla sinistra al banco si prende un numero per eseguire il pagamento per effettuare il trasferimento di proprietà dell’auto (circa 70gel). Il proprietario avrà in mano le targhe del veicolo che rimangono a lui.  Di seguito si prende un nuovo numero per la seconda parte del processo dove dovete presentare il vostro documento e un numero di telefono georgiano. Scegliete il numero delle vostre nuove targhe da un display che propone alcune serie di numeri disponibili (senza extra) o scegliete voi un numero personalizzato (c’è un costo aggiuntivo secondo la tipologia di numero o lettere che va da circa 200gel a salire).

Una volta che avete ottenuto le vostre nuove targhe (la procedura è velocissima), uscite dalla motorizzazione e camminate verso la sinistra in alto si trova un ufficio all’aperto che rilascia il nuovo tesserino (carta di circolazione) della vostra vettura. Dietro questo ufficio c’è un piccolo negozietto che vende gli accessori (viti, cornici, loghi) per attaccare le vostre targhe e nel prezzo è incluso il servizio di un giovanotto con giubbotto fosforescente (lo stesso che prima ha smontato le targhe vecchie) che armato di trapano vi attaccherà le targhe alla vettura. Consiglio di seguirlo nell’operazione.

In meno di un’ ora avrete fatto passaggio di proprietà, targhe nuove e nuova carta di circolazione o meglio carta tecnica come qui conosciuto e che deve essere conservata sempre in auto per ogni controllo di polizia o se varcate il confine come conferma di proprietà del veicolo.

L’assicurazione non è ancora obbligatoria in Georgia ma se volete stare tranquilli sono tante le compagnie di assicurazioni a Tbilisi che offrono una RC economica.

Buona guida!

Tbilisi la crisi delle attività commerciali e turistiche 2021

Primi di Aprile 2021. Pasqua cattolica, periodo in cui la città di Tbilisi vedeva una affluenza straordinaria di turisti, perlomeno sino al 2020 da quando la pandemia di covid-19, i lockdown e le restrizioni varie hanno affossato un mercato in esponenziale crescita da oltre tre anni.

La via Shardeni a Tbilisi – 2021©Alessandro Sanna – phototbilisi.com

I 7 milioni di turisti sono un lontano ricordo.

Solo qualche sporadica persona e sparuti gruppetti  di sopravvissuti intrepidi vacanzieri si incontrano sulle strade quasi deserte del centro storico in una splendida giornata di sole.

Ristoranti chiusi nella via Shardeni a Tbilisi – 2021©Alessandro Sanna – phototbilisi.com

Abbiamo fotografato il tutto per farvi rendere meglio conto della surreale situazione che dopo un anno ancora non vede una fine. Per notare questo disastro è sufficiente fare una passeggiata nella via dei ristoranti della città vecchia, la famosa via Shardeni.  Sedie e tavoli vuoti e tanti cartelli affittasi e vendesi fanno notare la desolazione e sentire un senso di solitudine in quello che era uno dei posti più affollati della città sia di giorno che di notte.

Il KGB uno dei locali storici di via Shardeni – 2021©Alessandro Sanna- phototbilisi.com

Tanti decori e ornamenti sono stati rimossi da molti locali riportando il tempo  indietro di più di dieci anni. In questa zona il servizio ad asporto non funziona. Era la zona del ristoro turistico,  degli incontri  sia diurni che serali, quella del bagno di folla, la passeggiata tra la gente.

Il famoso cafè Konka a Tbilisi – 2021©Alessandro Sanna – phototbilisi.com

In questo percorso fotografico, potete farvi una idea della situazione, allo stesso tempo ammirando pur sempre la bellezza di una città come Tbilisi che spera di ripartire presto.   Il servizio fotografico completo  su phototbilisi.com

Piazza Meidan deserta in tarda mattinata – 2021©Alessandro Sanna – phototbilisi.com